L’albero cosmico e il presepe (terza parte)

Naturalmente, queste lontane origine culturali possono essere state dimenticate; così come la memoria collettiva ha ormai perduto per strada il fatto che, storicamente parlando, l’albero di Natale – il cui impiantarsi in tutta Europa, uscendo dall’ambito del mondo germanico o ad esso immediatamente collegato, data dal romanticismo – è stato...

Continua a leggere

L’albero cosmico e il presepe (seconda parte)

In mancanza di fonti certe, rintracciare le origine di un culto e di un uso è sempre arduo, e può costituire anche un’avventura nel mondo dell’arbitrario. In genere, si evoca riguardo all’albero di Natale un indistinto – anche se molto probabilmente presente – sottofondo dentrolatrico europeo, e si fa al...

Continua a leggere

L’albero cosmico e il presepe (prima parte)

Sul piano storico, la tradizione dell’albero di Natale non consente di risalire troppo addietro nel tempo. Ma la leggenda tedesca che lo vuole collegato a Martin Lutero – che, rientrando a Wittenberg in una gelida e silenziosa notte di vigilia volle ricreare adornando di candeline un abete domestico l’impressione fiabesca...

Continua a leggere

La tartaruga

Mentre una notte se n’annava a spasso, la vecchia tartaruga fece er passo più lungo de la gamba e cascò giù cò la casa vortata sottoinsù. Un rospo je strillò: “Scema che sei! Queste sò scappatelle che costeno la pelle… _ lo sò rispose lei_ ma prima de morì, vedo...

Continua a leggere

l’Agrifoglio

L’agrifoglio, il cui nome latino “agrifolium”, deriva dal greco “agriàs”, che significa selvatico, ha l’aspetto di una pianta selvaggia e persino aggressiva con quelle foglie coriacee, accartocciate e con spine molto puntenti. Ma il suo simbolismo si ispira al fogliame brillante e ai frutti rossi che in pieno inverno sembrano...

Continua a leggere

Il sussurro del mondo

Diciamo che il pianeta è nato a mezzanotte e che dura un giorno. All’inizio non c’è nulla. La vita non fa capolino che alle tre o alle quattro di mattina. Dall’alba alla tarda mattinata, nient’altro che cellule semplici. Poi c’è tutto. Verso mezzogiorno succede qualcosa di strepitoso. Le cellule evolvono...

Continua a leggere

I Santi e la Campagna

Una volta il 1° dicembre si diceva in Toscana: “Per Sant’Ansano uno sotto e uno in mano”, perché le vecchiette infreddolite mettevano uno scaldino sotto le gonne e un altro lo tenevano in mano: oramai l’inverno mordeva con il suo gelo. Il giorno seguente guai se piove perché “Se piove...

Continua a leggere

La Terra ha molte note

La Terra ha molte note – Dove Musica tace lì è l’ignota Penisola – E’ la Bellezza – un fatto di Natura – Ma che i suoi boschi guardi – e del Suo Mare – E’ il Grillo che a me pare il meglio che ci sia di tutta l’Elegia...

Continua a leggere

Quanti fiori appassiscono nel bosco

Quanti fiori appassiscono nel bosco o spariscono via dalla collina senza la grande gioia di sapere che sono belli. Quanti lasciano un seme senza nome alla vicina brezza e non sanno del dono scarlatto che offre ad altri occhi. How many Flowers fail in Wood – Or perish from the...

Continua a leggere