Piena estate

Spiagge ampie stordite dal sole. Afa bianca. Un fiume verde. Un ponte, palme arse gialle dalla casa in letargo estivo assopita in agosto. Giorni che ho stretto, giorni che ho perso, giorni che diventano, come figlie, più grandi del mio abbraccio. da Derek Walcott, Nelle vene del mare. Derek Walcott...

Continua a leggere

Solo tra mari e cieli

La scia si allunga, di giorno bianca e densa di vita, di notte luminosa come una chioma di sogni e di stelle. L’acqua scorre sulla carena, e romba, canta, sussurra, secondo il vento, secondo il cielo, secondo che il tramonto sia stato rosso o grigio. […] Vento mare barca e...

Continua a leggere

sull’agroecobiologia

Siamo nel 1985, in una sala conferenze nella regione di Lione: un centinaio di persone sono riunite per un dibattito sul tema dell’agroecologia. Mi hanno chiesto di condividere la mia esperienza sull’argomento… In sala c’è un amico laotiano di una cinquantina d’anni, al quale chiedo di farci partecipi dei suoi...

Continua a leggere

Il mondo è un animale

Il mondo è un animale, ha le antenne, percepisce i sussurri, raccoglie lamenti, piogge, offese, affanni, congiunge i fiumi della terra al mare, li trascina, alimenta le nubi, coltiva alberi alti e piccoli, colonne, templi, arbusti, erbe. Nota e annota sogni e piccoli segreti che vagano dall’anima dai recessi del...

Continua a leggere

Terre sconosciute da scoprire

Su questo pianeta ognuno di noi ha solo ed esclusivamente terre vergini e sconosciute da scoprire, perché non sono i libri e le mappe a poterci dare soddisfazione. Lo dico perché l’ho visto con i miei occhi. L’ho vissuto con le mie emozioni. Lo vivo con il mio corpo oggi,...

Continua a leggere

Dalla prigione dell’estasi

La terra ha molte note. Dove musica tace lì e l’ignota penisola. E’, la bellezza, un fatto di natura. Ma che i suoi boschi guardi od il suo mare, è il grillo che a me pare il meglio che ci sia di tutta l’elegia. 1775, Dalla prigione dell’estasi di Emily...

Continua a leggere

I larici

… i larici che personalmente ammiro e fors’anche venero, sono quelli che nascono e vivono sulle scaffe delle rocce che portano il tempo: sono lì da secoli a sfidare i fulmini e le bufere, sono contorti e con profonde cicatrici prodotte dalla caduta delle pietre, i rami spezzati, ma sempre,...

Continua a leggere

Vandana Shiva sui semi

Il seme è il fondamento della vita, del cibo, dell’agricoltura. Eppure i contadini, che per tutta la storia sono stati gli artefici del miglioramento e della moltiplicazione dei semi, sono stati in fretta esclusi dalla produzione dei semi. Adesso sono trattati da consumatori di una risorsa non rinnovabile, brevettata, venduta...

Continua a leggere

Nei boschi, sperduto

Nei boschi, sperduto, tagliai un ramo oscuro e alle labbra, assetato, sollevai il suo sussurro: forse era la voce della pioggia che piangeva, una campana rotta o un cuore reciso. Qualcosa che da così lontano mi sembrava nascosto gravemente, coperto dalla terra, un grido soffocato da immensi autunni, dalla socchiusa...

Continua a leggere

dal Vangelo di Matteo

Il regno dei cieli è simile a un granello di senape che, un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo...

Continua a leggere