Desiderio

Vorrei essere il piccolo uccello che s’innalza e alla vista scompare, una canzone rara da ascoltare ma di cui si ricorda il ritornello, l’ombra di un bianco giglio intimidita dal vento sul selciato, o l’eco di una parola d’amore che mi riporti indietro nel passato memoria di speranza già smarrita...

Continua a leggere

Ore calanti

Ormai m’apparve il senso dell’estate, serene è forse l’ombra tua tra quelle del appese dei ciliegi piovosi, alla sorgente s’accordano i boschi, foglia con foglia ombra con ombra la mia stagione è tutta qui E tutto il mondo è l’orto mio dove raccolgo a sera dolci bacche accecate e caute...

Continua a leggere

Benedizione Apache

Che il sole ti porti nuova energia durante il giorno, che la luna dolcemente ti rigeneri di notte, che la pioggia ti lavi via le preoccupazioni, che il vento soffi nuova forza nel tuo essere, che tu possa camminare per il mondo e conoscere la sua bellezza tutti i giorni...

Continua a leggere

Lo spirito delle verdure

Le verdure sono adepte di Gandhi: fanno resistenza passiva. Sugli scaffali, non ingannatevi, non si aspettano il vostro obolo: fanno un sit-in, manifestano. Eleganti e indolenti, ci sfidano, ci richiamano con i loro colori. Docile non significa privo di carattere. Che esaltino la giovinezza, la fluidità dell’alba o la rotondità...

Continua a leggere

Il guardiano di greggi

Sono un guardiano di greggi. Il gregge è i miei pensieri e i miei pensieri sono tutti sensazioni. Penso con gli occhi e con gli orecchi. e con le mani e con i piedi e con il naso e la bocca. Pensare un fiore è vederlo e odorarlo e mangiare...

Continua a leggere

La mia forma d’arte è il viaggio

La mia forma d’arte è il viaggio fatto a piedi nel paesaggio… La sola cosa che dobbiamo prendere da un paesaggio sono delle fotografie. La sola cosa che ci dobbiamo lasciare sono le tracce dei passi. Hamish Fulton è un artista inglese che cammina. Dal 1972 le sue opere sono...

Continua a leggere

La quercia sradicata dal vento

Nel campo d’una non placabile idea, d’una sera che il vento era tutto, sì, tutto, e mi premeva col suo gelo verso il più profondo di quell’idea di quel sogno, tricosa Gordio da atterrire il filo della spada. Nel seno d’energia di quella inibizione nera che faceva le cose sempre...

Continua a leggere

Inter-essere

Un poeta, guardando questa pagina, si accorge subito che dentro c’è una nuvola. Senza la nuvola, non c’è pioggia; gli alberi non crescono; e senza alberi, non possiamo fare la carta. La nuvola è indispensabile all’esistenza della carta. Se c’è questo foglio di carta, è perché c’è anche la nuvola....

Continua a leggere

BiodiversCity

Con natura abbiamo inteso e studiato fin da piccoli cose molto lontane e diversissime: i pianeti, i buchi neri, il magnetismo terrestre, persino il buco dell’ozono. Entità non comprensibili dalle persone, una vaghezza che non è mai stata in grado di stimolare una dimensione politica. Abbiamo bisogno di narrazioni più...

Continua a leggere

Per la finestra nuova

Brilla la finestra del verde lungamente lungamente composto, sogno a sogno, orti o prati non so; ma quanta brina prima ch’io mi convinca, quanta neve. Verde del grano che alzi il capo e irridi tra l’incerto oro e il vuoto: tu, mia finestra, e tu, cielo, che porti a me...

Continua a leggere