Terre sconosciute da scoprire

Su questo pianeta ognuno di noi ha solo ed esclusivamente terre vergini e sconosciute da scoprire, perché non sono i libri e le mappe a poterci dare soddisfazione. Lo dico perché l’ho visto con i miei occhi. L’ho vissuto con le mie emozioni. Lo vivo con il mio corpo oggi,...

Continua a leggere

Dalla prigione dell’estasi

La terra ha molte note. Dove musica tace lì e l’ignota penisola. E’, la bellezza, un fatto di natura. Ma che i suoi boschi guardi od il suo mare, è il grillo che a me pare il meglio che ci sia di tutta l’elegia. 1775, Dalla prigione dell’estasi di Emily...

Continua a leggere

I larici

… i larici che personalmente ammiro e fors’anche venero, sono quelli che nascono e vivono sulle scaffe delle rocce che portano il tempo: sono lì da secoli a sfidare i fulmini e le bufere, sono contorti e con profonde cicatrici prodotte dalla caduta delle pietre, i rami spezzati, ma sempre,...

Continua a leggere

Vandana Shiva sui semi

Il seme è il fondamento della vita, del cibo, dell’agricoltura. Eppure i contadini, che per tutta la storia sono stati gli artefici del miglioramento e della moltiplicazione dei semi, sono stati in fretta esclusi dalla produzione dei semi. Adesso sono trattati da consumatori di una risorsa non rinnovabile, brevettata, venduta...

Continua a leggere

Nei boschi, sperduto

Nei boschi, sperduto, tagliai un ramo oscuro e alle labbra, assetato, sollevai il suo sussurro: forse era la voce della pioggia che piangeva, una campana rotta o un cuore reciso. Qualcosa che da così lontano mi sembrava nascosto gravemente, coperto dalla terra, un grido soffocato da immensi autunni, dalla socchiusa...

Continua a leggere

dal Vangelo di Matteo

Il regno dei cieli è simile a un granello di senape che, un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo...

Continua a leggere

Alberi

Invece di fare visita a qualche erudito, andavo spesso a visitare certi alberi particolari, di specie rare, in questa zona, ricchi, lontani, nel mezzo di qualche pascolo o nelle profondità di un bosco o di una palude, o sulla sommità di una collina […]. Questi erano i santuari che visitavo...

Continua a leggere

L’agricoltura del non fare

Prese poi la parola una donna che si disse frustrata della presenza della ginestra sulla sua proprietà poiché non le serviva a nulla e la riteneva materia di scarto. Sensei (Masanobu Fukuoka) le rispose che la ginestra dei carbonai è una pianta che fissa l’azoto, fornisce nettare per le api...

Continua a leggere

Il camoscio

Gli zoccoli del camoscio sono le quattro dita del violinista. Vanno alla cieca e non sbagliano millimetro. Schizzano su strapiombi, giocolieri in salita, acrobati in discesa, artisti da circo per la platea delle montagne. Gli zoccoli del camoscio appigliano l’aria. Il callo a cuscinetto fa da silenziatore quando vuole, se...

Continua a leggere

Comunità del cibo

Una comunità implica anche la ridefinizione di un sistema sociale, ovvero un cambiamento radicale nei meccanismi dello stare insieme ad altre persone, eliminando gerarchie e verticismi di cui sono spesso impregnati anche i movimenti. La costruzione di una comunità può nascere da un’occasione ma non deve esaurirsi in essa. Spesso...

Continua a leggere