Crepe

C’è una crepa in ogni cosa. E’ così che entra la luce. (Leonard Cohen) Passeggio sulla terra seminata in cerca di crepe. Ci sono normali crepe orizzontali, quelle che si formano quando la pioggia viene assorbita e la terra si ritira. Poi ci sono le altre, quelle che mi indicano...

Continua a leggere

Liberi versi

Apro la finestra Quando il Sole sveglia i sensi e le creature posate sotto al cielo, ronzano, cinguettano, sibilano e si stiracchiano, mi piacerebbe volare. Accompagnarmi agli uccelli che tornano e udirli cantare di caldi paesi lontani planando sulla felicità di distese rosa, gialle, bianche e viola. Dipanarmi tra i...

Continua a leggere

Il glicine

… e intanto era aprile, e il glicine era qui, a rifiorire. Prepotente, feroce rinasci, e di colpo, in una notte, copri un intera parete appena alzata, il muro principesco di un ocra screpolato al nuovo sole che lo cuoce … E basti tu, col tuo profumo, oscuro, caduco rampicante,...

Continua a leggere

dal Cantico dei cantici

Giardino chiuso tu sei, sorella mia, mia sposa, sorgente chiusa, fontana sigillata. I tuoi germogli sono un paradiso di melagrane, con i frutti più squisiti, alberi di cipro e nardo, nardo e zafferano, cannella e cinnamomo, con ogni specie di alberi d’incenso, mirra e aloe, con tutti gli aromi migliori....

Continua a leggere

Gelsomino

Frutto di contemplazione attraverso migliaia di anni oggi è fiorito un gelsomino nel seno della terra. Questa immagine di gioia era celata da secoli nel seno dell’invisibile. Così il mio sogno! Chi può dire alla fine di quale età. in quale giardino di primavera in quale angolo della terra apparirà...

Continua a leggere

Le vie dei Canti

Il walkabout, parola intraducibile … è il sistema di percorsi attraverso cui le popolazioni dell’Australia hanno mappato l’intero continente. Ogni montagna, ogni fiume e ogni pozzo appartiene a un insieme di storie/percorsi – le vie dei canti – che, intrecciandosi di continuo, formano un’unica “storia del tempo del Sogno”, la...

Continua a leggere

Belle, fresche e purpuree viole

Belle, fresche e purpuree viole, che quella candidissima man colse, qual pioggia o qual puro aer produr volse tanto più vaghi fior’ che far non suole? Qual rugiada, qual terra o ver qual sole tante vaghe bellezze in voi raccolse? Onde il suave odor natura tolse, o il ciel, che...

Continua a leggere

L’ora più bella

Esiste, o viaggiatore, l’ora più felice della tua vita? Forse ti deluderò ma ti dico che è impossibile trovarla, nei labirinti del tempo. Te lo dimostrerò. [..] può esistere, insieme all’ora vissuta che riteniamo la più felice, un’ora nascosta ancora più bella, di cui abbiamo perso il ricordo, e che...

Continua a leggere

Cedi la strada agli alberi

Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione. Attenzione a chi cade, al sole che nasce e che muore, ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un semplice lampione,...

Continua a leggere

La vocazione di perdersi

Nei boschi o su ripidi pascoli abbandonati si incontrano ancora vecchie tracce dimenticate: seguendole mi trovo in ambienti imprevisti, tra alberi antichi, ruderi di ricoveri quasi coperti di vegetazione, dirupi e cascate invisibili da lontano, creste incantate, canali che quando si riempiono di solida neve conducono facilmente tra guglie e...

Continua a leggere