La matita

Niente è universalmente affidabile […] come una matita […]. Scrivo spesso a matita; si adatta al mio temperamento sperimentatore, mi permette di abbozzare liberalmente le idee prima di procedere alla loro definizione a inchiostro. […] So che non supererò mai l’età della matita. […] La matita è un intimo ed...

Continua a leggere

Un albero

L’albero era cresciuto nella parte superiore del giardino, alto, solitario, slanciato – la sua altezza forse tradiva un’idea segreta d’intrusione. Non diede mai fiori né frutti, solo un’ombra lunga che divideva in due il giardino e una misura inapplicabile agli altri alberi, carichi e curvi. Ogni sera, quando il tramonto...

Continua a leggere

Masanobu Fukuoka e la sua filosofia

“Ora vorrei parlarvi un po’ della mia filosofia. L’agricoltura naturale non separa il terreno dalle piante, dall’acqua o dagli animali. Gli alberi, l’erba, gli animali, i microrganismi, anche il cielo e le montagne sono parte di un’unica “grande vita”. Tutto è vivo ed esiste come un unico corpo. Potrei trascorrere...

Continua a leggere

Il cielo

Spalancò gli occhi per cercar di vedere come si fosse conclusa la lotta dei francesi con gli artiglieri […]. Ma non vide nulla. Sopra di lui non c’era già più nulla se non il cielo: un cielo alto, non limpido e tuttavia di un’altezza incommensurabile, con grigie nuvole che vi...

Continua a leggere

Un compleanno

Il mio cuore è come un uccello che canta il cui cuore è in un germoglio annaffiato. Il mio cuore è come un albero di mele con i ramoscelli piegati da ricchi frutti. Il mio cuore è come una conchiglia arcobaleno che naviga in un mare sereno. Il mio cuore...

Continua a leggere

Come si ascolta la Terra cantare

Ho sempre sentito il comandamento “Amerai il prossimo tuo come te stesso” come un imperativo ad amare anche la terra come me stesso. Non si può amare l’altro, il prossimo, senza amare la terra, perché l’altro sta di fronte a me e condivide lo stesso mio spazio, perché ha una...

Continua a leggere

sul viaggiare senza partire

Senza uscire dalla porta, conoscere il mondo! Senza guardare dalla finestra, vedere la Via del cielo! Più lontano si va, meno si conosce. Perciò il Santo conosce senza viaggiare; egli nomina le cose senza vederle; egli compie senza azione. Lao Tzu nel Tao Te King Si può viaggiare in tanti...

Continua a leggere

Gran Paradiso

Là era il regno di camosci e stambecchi, da generazioni risparmiati dalla caccia, perciò poco timorosi del passaggio di esseri umani. Quando sui sentieri sbucavo leggero dal bosco nelle incantate radure prative, o inerpicandomi per le tracce più sottili avvicinavo creste turrite, a ogni momento mi trovavo tra le loro...

Continua a leggere

La petite promenade du poète

Me ne vado per le strade Strette oscure e misteriose: Vedo dietro le vetrate Affacciarsi Gemme e Rose. Dalle scale misteriose C’è chi scende brancolando: Dietro i vetri rilucenti Stan le ciane commentando. . . . . . . . . . . . . . . . . ....

Continua a leggere

L’insalata sbagliata

Il professor Grammaticus entrò nel ristorante e ordinò al cameriere un’insalata abbondante. -Metteteci l’indivia, la lattuga, la riccetta, il sedano, la cicoria, due foglie di rughetta, un mezzo pomodoro, cipolla se ce n’è: portate l’olio e il sale la condirò da me. E il bravo professore con la forchetta in...

Continua a leggere