Lettere a un lupo, 13 febbraio

13 febbraio caro lupo, nel segreto del bosco c’è il lago, che io chiamo segreto. Ti scrivo di notte, la luna è in falce crescente, tutte le stelle sopra di noi, Orione inquadrata nel mio vetro. D’estate, di giugno, ho pescato le piccole trote. Ma è un dolore così grande...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 11 febbraio

11 febbraio caro lupo, il gelo permane, il ghiaccio è per terra da più giorni ormai, alto un pugno. Nel camino stasera due ceppi stanno uno sull’altro, l’incavato che sembra due braccia aperte, e il lungo appoggiato fra le due braccia. Bruciano, gli amanti. La tramontana è violenta e romba...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 10 febbraio

10 febbraio caro lupo, nei boschi ho imparato a riconoscere l’uomo selvatico. Me lo ricordo, quand’ero lupetto, quante volte l’ho visto. Usciva dalla tana, andava fino al paese, ululava, tornava alla tana. Bello era le case quadrate di neve, e la neve sulla paglia dei casoni, neve tanta, pestata dagli...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 8 febbraio

8 febbraio caro lupo, è già la quinta lettera che ti preparo. È appena calata la notte. Anche oggi gelo e gelo: ho il fuoco acceso nel camino, accanto a me qui dove scrivo. Mi piacerebbe rivederti, parlarti. Narrarti le storie che so, e dei miei viaggi, come quando nella...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 7 febbraio

7 febbraio caro lupo, non ha senso scrivere a un lupo, lasciargli lettere nel bosco. Ma a volte si rivela il senso anche nel non senso. Può darsi che tu non legga le mie lettere. Ma io faccio come se tu le leggessi. Per me tu le leggi, sicuro! Oggi...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 5 febbraio

5 febbraio caro lupo, questa è la terza lettera che ti lascerò nel bosco. Eccolo il tuo bosco: querce giovani e vecchie, qualche leccio, pini marittimi, ginepri, brècane, betulle, cipressi, faggi, salici, olmi allori: quantissime piante. Fino al limite del bosco olivi e vigne: e nel sottobosco ginestre, pungitopi, muschi,...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 3 febbraio

3 febbraio caro lupo, stanotte risalendo dalla città ho reincontrato la lepre, per la seconda volta in pochi giorni. Prima ho visto le orecchie sopra i cespugli, poi la schiena. Ho frenato e spento i fari, perché non restasse immobile davanti alla luce. Così è scappata. Lo sai che certe...

Continua a leggere

Lettere a un lupo, 2 febbraio

Si è scritto e narrato molto sui rapporti fra i lupi e gli uomini. Qualcuno ha cercato di parlare col lupo, come san Francesco, e ci è riuscito. Con molte bestie feroci che abitano in noi si può dialogare, o cercare di stabilire rapporti epistolari, come ha fatto G. Si...

Continua a leggere

Solo te

Il cielo si porta nel cinto di nuvole La luna ricurva. Sotto la forma di falce Io voglio riposarti in mano. Sempre devo fare come vuole la tempesta, Sono un mare senza riva. Ma poiché tu cerchi le mie conchiglie, Mi si illumina il cuore. Stregato Giace sul mio fondo....

Continua a leggere

I boschi hanno cessato i loro canti…

I boschi hanno cessato i loro canti, tutte le porte sono state chiuse. Tu sei il viandante solitario di questa strada deserta. Mio solo, mio migliore amico, aperta è la porta della mia casa – non passare come un sogno. Rabindranath Tagore, “Gitanjali”, Il Giardiniere. Si ringrazia Rosa Rita Piva...

Continua a leggere