Alba

Sonno denso, vischioso nebbia avvolgente chiome di alberi si congiungono in cielo sopra umane teste sguardo a loro a mirare il protendersi arboreo verso la non fine abbraccio farfalla un battito d’ali dopo l’altro sincrono respiro alato eleganza del capriolo presenza silenziosa maestosa divino spirito nel bosco nebbioso accogliente i...

Continua a leggere

Note del guanciale

Il giorno successivo a una bufera di vento che “divide i campi”, si può contemplare uno spettacolo pittoresco e commuovente. Nei punti dove i recinti di assi e i cancelletti a grata hanno ceduto, il giardino appare sofferente per la devastazione. Grandi alberi sono stati abbattuti e i loro rami,...

Continua a leggere

Formiche rosse e nere

Un giorno che ero uscito per andare alla mia catasta di legna, o piuttosto alla mia catasta di ceppi, osservai due grandi formiche, una rossa e una nera (questa molto più grande della prima e più lunga di quasi mezzo pollice) che combattevano ferocemente fra di loro. Una volta che...

Continua a leggere

In terre lontane

Camminando nell’erba, solo parzialmente emaciata dall’arsura, mi riempio le gambe di zecche […], quando appaiono due leoni proprio di fronte a me. Mi arresto di colpo. I leoni stanno all’ombra di una piccola acacia, lontani non più di sessanta metri, e mi guardano fissi, nella posizione della sfinge egizia. Reso...

Continua a leggere

Confessioni di un apprendista ortolano

Non so da dove mi venga l’impulso ostinato che mi porta all’orto e al giardino, o meglio, all’orto/giardino, visto che per me fanno tutt’uno. È cominciato tutto assai prima che mi innamorassi di Fukuoka, radioso nel suo angolo di paradiso terrestre. Ero ancora una bambina confinata in un appartamento di...

Continua a leggere

La luna

C’è tanta solitudine in quell’oro. La luna delle notti non è la luna che vide il primo Adamo. I lunghi secoli della veglia umana l’hanno colmata di antico pianto. Guardala. È il tuo specchio. La luna di Jorge Luis Borges. Jorge Luis Borges nasce a Buenos Aires nel 1899 e...

Continua a leggere

Sogni artici

Restai immobile, con la certezza che qualcosa di strano ci lega al mondo degli animali. A volte gli animali riescono a ritrascinarti in quel loro mondo: e tu dividi con loro la fame e la paura, come il sale che è presente nel loro sangue e nel tuo. Lo scoiattolo...

Continua a leggere

… ogni giardino è diverso

…ogni giardino è diverso: ha la sua personalità, che non dobbiamo piegare, la sua geografia e la sua cultura. L’italiano è geometrico e formale, il francese simmetrico e sontuoso, l’inglese più selvatico e meno incline alla visione d’insieme, il persiano è come un tappeto, un microcosmo profumato con al centro...

Continua a leggere

dal Gattopardo

Sul terreno rossiccio le piante crescevano in fitto disordine, i fiori spuntavano dove Dio voleva e le siepi di mortella sembravano disposte per impedire più che dirigere i passi. Nel fondo una flora chiazzata di lichene giallonero esibiva rassegnata i suoi vezzi più che secolari; ai lati due panche sostenevano...

Continua a leggere

Confessioni di un Italiano

Mi ricorderò sempre l’abbagliante piacere e quasi lo sbigottimento di maraviglia che ne ricevetti. Aveva dinanzi un vastissimo spazio di pianure verdi e fiorite, intersecate da grandissimi canali simili a quello che aveva passato io, ma assai più larghi e profondi. I quali s’andavano perdendo in una stesa d’acque assai...

Continua a leggere