Alberi

Invece di fare visita a qualche erudito, andavo spesso a visitare certi alberi particolari, di specie rare, in questa zona, ricchi, lontani, nel mezzo di qualche pascolo o nelle profondità di un bosco o di una palude, o sulla sommità di una collina […]. Questi erano i santuari che visitavo...

Continua a leggere

L’agricoltura del non fare

Prese poi la parola una donna che si disse frustrata della presenza della ginestra sulla sua proprietà poiché non le serviva a nulla e la riteneva materia di scarto. Sensei (Masanobu Fukuoka) le rispose che la ginestra dei carbonai è una pianta che fissa l’azoto, fornisce nettare per le api...

Continua a leggere

Il camoscio

Gli zoccoli del camoscio sono le quattro dita del violinista. Vanno alla cieca e non sbagliano millimetro. Schizzano su strapiombi, giocolieri in salita, acrobati in discesa, artisti da circo per la platea delle montagne. Gli zoccoli del camoscio appigliano l’aria. Il callo a cuscinetto fa da silenziatore quando vuole, se...

Continua a leggere

Comunità del cibo

Una comunità implica anche la ridefinizione di un sistema sociale, ovvero un cambiamento radicale nei meccanismi dello stare insieme ad altre persone, eliminando gerarchie e verticismi di cui sono spesso impregnati anche i movimenti. La costruzione di una comunità può nascere da un’occasione ma non deve esaurirsi in essa. Spesso...

Continua a leggere

La matita

Niente è universalmente affidabile […] come una matita […]. Scrivo spesso a matita; si adatta al mio temperamento sperimentatore, mi permette di abbozzare liberalmente le idee prima di procedere alla loro definizione a inchiostro. […] So che non supererò mai l’età della matita. […] La matita è un intimo ed...

Continua a leggere

Un albero

L’albero era cresciuto nella parte superiore del giardino, alto, solitario, slanciato – la sua altezza forse tradiva un’idea segreta d’intrusione. Non diede mai fiori né frutti, solo un’ombra lunga che divideva in due il giardino e una misura inapplicabile agli altri alberi, carichi e curvi. Ogni sera, quando il tramonto...

Continua a leggere

Masanobu Fukuoka e la sua filosofia

“Ora vorrei parlarvi un po’ della mia filosofia. L’agricoltura naturale non separa il terreno dalle piante, dall’acqua o dagli animali. Gli alberi, l’erba, gli animali, i microrganismi, anche il cielo e le montagne sono parte di un’unica “grande vita”. Tutto è vivo ed esiste come un unico corpo. Potrei trascorrere...

Continua a leggere

Il cielo

Spalancò gli occhi per cercar di vedere come si fosse conclusa la lotta dei francesi con gli artiglieri […]. Ma non vide nulla. Sopra di lui non c’era già più nulla se non il cielo: un cielo alto, non limpido e tuttavia di un’altezza incommensurabile, con grigie nuvole che vi...

Continua a leggere

Olivi monumentali

Quando parliamo di territorio inevitabilmente parliamo anche di cultura e tradizione come sedimento delle opere prodotte dall’uomo. In ogni porzione di territorio c’è un intimo legame tra le persone e i luoghi, tra il territorio e le comunità. Il riconoscimento di questa connessione è una questione storica, socio-ambientale, ma anche...

Continua a leggere

Un compleanno

Il mio cuore è come un uccello che canta il cui cuore è in un germoglio annaffiato. Il mio cuore è come un albero di mele con i ramoscelli piegati da ricchi frutti. Il mio cuore è come una conchiglia arcobaleno che naviga in un mare sereno. Il mio cuore...

Continua a leggere