Alle origini dell’impatto dell’uomo sulla Terra

L’apparizione della vita umana ha profondamente modificato la giovane Terra. Probabilmente l’impatto dell’uomo sull’ambiente risale a circa 400.000 anni fa. “Quando i nostri antenati – racconta Lester R. Brown, fondatore del Worldwatch Institute di Washington – hanno cominciato a utilizzare in maniera significativa il fuoco”. Le prime tracce di fuoco...

Continua a leggere

Belle, fresche e purpuree viole

Belle, fresche e purpuree viole, che quella candidissima man colse, qual pioggia o qual puro aer produr volse tanto più vaghi fior’ che far non suole? Qual rugiada, qual terra o ver qual sole tante vaghe bellezze in voi raccolse? Onde il suave odor natura tolse, o il ciel, che...

Continua a leggere

L’ora più bella

Esiste, o viaggiatore, l’ora più felice della tua vita? Forse ti deluderò ma ti dico che è impossibile trovarla, nei labirinti del tempo. Te lo dimostrerò. [..] può esistere, insieme all’ora vissuta che riteniamo la più felice, un’ora nascosta ancora più bella, di cui abbiamo perso il ricordo, e che...

Continua a leggere

Cedi la strada agli alberi

Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione. Attenzione a chi cade, al sole che nasce e che muore, ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un semplice lampione,...

Continua a leggere

La vocazione di perdersi

Nei boschi o su ripidi pascoli abbandonati si incontrano ancora vecchie tracce dimenticate: seguendole mi trovo in ambienti imprevisti, tra alberi antichi, ruderi di ricoveri quasi coperti di vegetazione, dirupi e cascate invisibili da lontano, creste incantate, canali che quando si riempiono di solida neve conducono facilmente tra guglie e...

Continua a leggere

Noi due, quanto a lungo fummo ingannati

Noi due, quanto a lungo fummo ingannati, ora metamorfosati fuggiamo veloci come fa la Natura, noi siamo Natura, a lungo siamo mancati, ma ora torniamo, diventiamo piante, tronchi, fogliame, radici, corteccia, siamo incassati nel terreno, siamo rocce, siamo querce, cresciamo fianco a fianco nelle radure, bruchiamo, due tra la mandria...

Continua a leggere

Firenze e i suoi personaggi

Firenze e i suoi personaggi Visitare Firenze camminando sulle orme dei personaggi che l’hanno vissuta. Itinerari verdi andando incontro alle storie di donne e uomini che ci hanno preceduto. Camminata della durata di circa 3-4 ore Conduzione a cura di: Cecilia Gallia – attrice e formatrice –racconta storie, aneddoti e...

Continua a leggere

Un borgo in fiore: le camelie di Sant’Andrea in Compito

L’eleganza neoclassica dell’acquedotto del Nottolini unita allo splendore delle fioriture delle camelie di Sant’Andrea in Compito, rendono questa esperienza unica. Il sentiero di mezza costa tra boschi lascia intravedere Lucca, i monti della Garfagnana e le lontane Apuane. A Sant’Andrea in Compito visiteremo l’incantevole borgo e l’Antica Chiusa Borrini con...

Continua a leggere

Dell’innaffiare il giardino

Oh, bello innaffiare il giardino, per far coraggio al verde! Dar acqua agli alberi assetati! Dai più che basti e non dimenticare i cespugli delle siepi, perfino quelli che non dan frutto, quelli esausti e avari. E non perdermi di vista in mezzo ai fiori, le male erbe, che hanno...

Continua a leggere

dal diario spirituale di Krishnamurti

Era un mattino limpido sebbene ben presto si sarebbero addensate le nuvole. Mentre guardavo fuori dalla finestra, gli alberi, i campi erano molto nitidi. Accade una cosa curiosa: c’è un intensificarsi di sensibilità. Sensibilità non soltanto bellezza, ma anche a tutte le altre cose. Il filo d’erba era stupefacentemente verde,...

Continua a leggere